Un viaggio nella memoria

All'inizio eravamo una piccola azienda che vendeva ceste di legno in un remoto villaggio della Svezia. Oggi siamo un'impresa rinomata a livello internazionale. Come abbiamo fatto? Scopritelo qui di seguto.

Tutto è cominciato con un ragazzo che si chiamava Ivar

La storia di BRIO inizia con Ivar Bengtsson, ragazzo dallo spirito imprenditoriale innato, che investe i suoi risparmi (77 Corone svedesi) per vendere ceste in legno in Danimarca. A soli 18 anni, Ivar ha già realizzato il suo primo profitto e pensa con entusiasmo a come investirlo.

1884

L'inizio con le ceste in legno

Nel 1884, Ivar e sua moglie Sissa Persdotter si trasferiscono in un villaggio vicino a Osby e continuano a vendere ceste di legno. Si tratta di prodotti economici e resistenti e in Svezia i loro affari vanno a gonfie vele. BRIO inizia a focalizzarsi sulla qualità degli articoli.

1907

Nasce il primo giocattolo

Ivar e la sua famiglia si trasferiscono a Osby nel 1902. L'azienda si espande e viene ampliata la gamma di articoli. Nel 1907, il catalogo contiene 170 prodotti. In questo periodo fa la sua apparizione un piccolo cavallo realizzato localmente: il cavallo Osby. E' il primo giocattolo prodotto dall'azienda e segna il debutto nel settore.

1908

Viene fondata BRIO

Nel 1908, Ivar e Sissa passano l'azienda ai loro tre figli Viktor, Anton ed Emil. L'anno seguente viene fondata BRIO, acronimo di "fratelli Ivarsson di Osby". L'impresa funziona e la gamma di prodotti viene largamente ampliata con merce importata. I giocattoli sono ormai una parte essenziale e, nel 1920, l'azienda inizia a importare le carrozzine tedesche.

1936

Appare il primo logo BRIO

Nel 1934, BRIO lancia sul mercato i suoi giocattoli con impresso il marchio aziendale.Il primo logo BRIO appare su prodotti selezionati, ad esempio: due camion giocattolo in legno, dipinti di rosso. Ai rivenditori viene offerto il cartello BRIO con il logo dell'azienda.

1947

BRIO inizia a produrre carrozzine per le bambole

La carenza di prodotti causata dalla guerra è uno dei motivi per cui BRIO decide di investire nella produzione in proprio di carrozzine per le bambole. Nel 1947, BRIO si amplia con la sua fabbrica dedicata alla realizzazione di questo articolo.

1958

Nasce la maggior parte dei nostri giocattoli più popolari

Questo è l'anno durante il quale abbiamo introdotto la ferrovia in miniatura, il bassotto e il clown da impilare. E' superfluo dire che si è trattato di un anno fondamentale per la storia di BRIO!

1957-
1978

BRIO diventa internazionale

I tre fratelli conducono l'azienda BRIO fino a quando non passano il testimone al figlio di Anton, Lennart. Lennart diventa l'AD di BRIO e, dal 1952 al 1978, fa crescere l'azienda a livello internazionale.

1984

Apre il Lekoseum BRIO

BRIO inaugura un museo del giocattolo all'interno del suo ex-magazzino di Osby: è un omaggio alla gioia di giocare e all'avvincente storia della nostra azienda. Il museo si chiama BRIO Lekoseum, che tradotto significa appunto ‘museo del giocattolo’. Nel 2014, il Lekoseum diventa una fondazione. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito: www.lekoseum.se/in-english.

2014

Celebrazione dei 130 anni di eterna giovinezza

Nel 2014, abbiamo festeggiato il nostro 130° anniversario. Invece di guardare al passato e tracciare il profilo delle tappe fondamentali di BRIO, abbiamo scelto di rendere omaggio all'importanza del gioco e di celebrare il bambino nascosto in ognuno di noi. Un'idea da non sottovalutare in un periodo come questo, dove il gioco libero viene tenuto sempre meno in considerazione. Eppure sappiamo tutti che giocare è fondamentale ai fini dello sviluppo e della creatività, sia per i bambini che per gli adulti. Non smettere mai di giocare!

Oggi continuiamo a lavorare sodo per creare felici ricordi d'infanzia

Nel 2002, parte della nostra produzione è stata spostata all'estero. La sede centrale della BRIO ora è situata nella città di Malmö, il Lekoseum, invece, si trova ancora a Osby. Nel 2013 BRIO ha venduto a Britax la parte commerciale dedicata ai passeggini, ai seggiolini per automobile e agli accessori. Nel gennaio 2015, il gruppo Ravensburger ha acquistato BRIO AB dal fondo di investimento svedese Proventus. Ancora oggi, BRIO continua a lavorare con dedizione nel settore dei giocattoli per bambini: alcuni articoli datati, ma molto amati, sono stati rivisitati e ne arriveranno altri nuovi.

Fornitore della Corte reale svedese

BRIO è fornitore della Corte reale svedese dal 1940. Si tratta di una tradizione ancora oggi molto viva. Nel 2012, la principessa ereditaria Victoria ha scelto per sua figlia, la pricipessa Estelle, una carrozzina blu BRIO progettata per l'occasione.